Pubblicato il

L’UOMO CHE INDOSSA PRODOTTI NATURALI

Sono secoli, fin dalle prime forme di vita umana sulla Terra che l’uomo cerca di interpretare, spiegare e anche controllare la natura e i suoi fenomeni, non a caso già dai primi uomini primitivi si hanno le prime spiegazioni sui fenomeni meteorologici cioè la pioggia, il vento, il sole, la neve, che comunque, privi di qualsiasi nesso logico e scientifico, davano risposta attraverso la presenza onnipotente di dei che controllavano questi impatti temporali. Ma non solo, essendo popoli che basavano tutta la loro sopravvivenza sull’agricoltura introdussero i primi canti e danze della pioggia, del sole, e così facendo erano conviti che gli dei li potessero sentire e che potessero controllare e “mandare” ciò che potesse servire al raccolto per essere prosperoso. Come si può capire, il rapporto che lega natura e uomo è antichissimo, e possiamo affermare che nasce con la stessa nascita e presenza dell’uomo sulla terra.

La scienza progredisce giorno dopo giorno con novità e tecnologie sempre più sorprendenti, ma l’uomo continua in qualche modo a non coglierne a pieno i benefici. Esemplare è il caso delle case costruite ai piedi del Vesuvio, zona considerata a rischio di eruzioni. Ci sono leggi che impediscono di costruire in quelle zone ma allo stesso tempo sempre in quelle zone  si vedono sempre fuori uscire  più costruzioni, case e palazzi che mettono in pericolo la vita stessa dell’uomo. Allora nasce spontaneo chiedersi di chi sia la colpa alla fine, e la risposta necessaria è che l’uomo come in molte cose è la causa principale del suo male!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *